ERIC WORRE E IL NETWORK: 
Le Regole sono Cambiate

Ricordi la famosa frase di Tony Robbins?

“Life is never be the same. Life is changing.”

La vita non è mai la stessa. La vita è cambiamento.

Questa semplicissima frase si adatta a pennello all’attuale situazione del Network Marketing in Italia e nel Mondo.

E ti spiego il perché..

Quando hai intrapreso questo strada l’’unica cosa alla quale hai pensato è stata:

“Il Network può essere la via più veloce per fare soldi e cambiare per sempre la mia vita.”

Ahimè ho una brutta notizia da darti.

Non esiste una scorciatoia per avere successo e per fare soldi.

Forse anche tu pensavi che entrare nel mondo del Network fosse la via per diventare ricchi velocemente.

Questo accade solamente se hai davvero delle competenze milionarie, diversamente da ciò non è possibile.

Anzi, lo è ma ci vuole tempo.



Se Ci Credi Con Tutto Te Stesso E Visualizzi Il Tuo Futuro, Presto Si Realizzerà!

La cosa che mi ha sempre reso perplesso di questo settore è la presenza maniacale di una parola ormai troppo abusata:



#LA MOTIVAZIONE

Personalmente non ho nulla contro a questo ma non capisco per quale ragione per ottenere un determinato risultato ci devi credere con tutto te stesso.

Sei d’accordo con me che la motivazione è come la racchetta da tennis che ti permette di mandare dall’altra parte del campo la palla ma poi per poter fare punto e andare verso gli obiettivi che ti sei prefissato non basta.


#DEVI ESSERE CAPACE A DIREZIONARE LA PALLA

Quello che voglio condividerti è il fatto che se non sei capace di controllare la direzione della palla, nel senso che se non sai come farlo, difficilmente riuscirai a fare punto.

Facciamo un esempio concreto.

Se vuoi passare alla qualifica successiva, sai anche tu che oltre a vendere quei prodotti devi anche essere in grado di far entrare nuovi collaboratori con te, istruirli e fargli fare quello che fai tu. Semplice no?


“Magari fosse tutto così immediato!”

La verità è che i tempi sono cambiati e tutto quello che ha funzionato 20 anni fa, adesso non va più bene.

Se è vero che la vita è cambiamento e che nulla rimane come sempre, anche nel mondo del business cambiano le regole del gioco.

Prima dell’avvento di Facebook non si stava a contattare le persone tramite la propria cerchia di amici. Si prendeva la rubrica, il numero e aspettavi che dall'altra parte qualcuno rispondesse.

Oggi non è più così.

Certamente il telefono si utilizza ma non per fare solamente le chiamate. Soprattutto per chattare e vedere su Facebook cosa fanno gli altri.

Capisci anche tu che in una realtà così diversa, utilizzare le strategie tattiche del passato non porta a notevoli risultati. Giusto?



Quando Le Cose Si Mettono Male, Prendi Il Tuo Smartphone, Avvi il Podcast Motivazionale E Fai Scorrere Lungo La Tua Pelle Quella Massiccia Dose Di Adrenalina.

Funziona!

Ti Serve Per Arrivare A Fine Mese Quando La Tua Downline Sembra In Coma




Se questa la chiami soluzione, beh mi sa che siamo di fronte ad un gravissimo problema.

Stammi bene a sentire.

Avere la propria dose di adrenalina per andare avanti nelle sfide che ci pone dinanzi la vita piuttosto che utilizzare una strategia sensata che porta a specifici risultati è come mettersi a pilotare un aereo sperando che tutto vada per il verso giusto.



SPERARE NON E’ MAI UNA SOLUZIONE

Non è mai la dose di motivazione a far entrare nuovi incaricati alle vendite.

Quello che li porta dentro è il rendersi conto che tu hai una soluzione concreta ai loro problemi.

Questa è l’unica cosa sensata.

Lo so.

Hai associato il Network Marketing ad una specie di lavoro nel quale si riesce a guadagnare grazie alla super motivazione e facendo credere alle persone che la tua attività e il tuo prodotto sono unici al mondo e devono per forza acquistarli.

Quello che ti dico è:

NO CONVERSATION = NO BUSINESS

NO BUSINESS = NO REVENUE

NO REVENUE = NO FUTURE

Se hai partecipato a qualche evento aziendale hai sentito più volte questa frase, pronunciata dal noto formatore Eric Worre.

Su questo sono d’accordo. Ma in parte.

Inutile girarci intorno.

Le persone sono sempre più diffidenti.

Sono sempre più informate.

Non basta più un complimento per intavolare una trattativa.

Lo so che ti hanno insegnato che quando sei al centro commerciale, nell’arco di 3 metri hai dei potenziali collaboratori pronti a lavorare con te.

Allora cosa fai?

Passi in modalità reclutamento ed inizi ad interessarti alle persone che ti circondano.

Fai domande, complimenti e poi piano piano, volgi la conversazione verso il punto cruciale ma fai così troppo rumore che svegli le barriere difensive di chi ti sta ascoltando e capisce che il tuo interesse era solamente una trappola.

Fine dei giochi.

Ogni volta che ti capiterà di incontrare nuovamente quella persona, quello che riceverai sarà solamente una fuga a gambe levate e una bruttissima associazione al Network Marketing.




Le Persone Pensano Che Il Network Marketing Sia La Nuova Frontiera Di Chi Non Sa Cosa Fare Nella Vita

Ahimè si è diffuso questo virus a causa di comportamenti non troppo corretti da parte dei distributori.

Si gioca in un terreno minato in cui sperare di beccare una persona interessata è davvero molto difficile.

È così.

Non lo puoi negare.

Ed anche qui, il poveretto si ritrova in una sala con molti “flippati di testa” e pochissimi ospiti come lui. Si sente come in gabbia. In trappola ed ha paura di fare la cosa sbagliata.

Magari è pure interessato ma l’ambiente trasmette queste emozioni e si sa, l’uomo acquista prima con le emozioni e poi con la logica.

Se cerchi di forzare questo meccanismo non otterrai nulla.

Però il trend che si vede è esattamente questo.

Prova solamente per un attimo a metterti nei panni del tuo potenziale collaboratore e dimmi come ci si sente.

Il vero motivo risiede proprio nella strategia che utilizzi.

Chiunque abbia un problema si rivolge ad uno specialista. E su questo presumo non ci siano dubbi a riguardo.

Ora dimmi:


TU IN COSA SEI SPECIALIZZATO?

Vedi, tu sei percepito come quello che vende la roba strana. Un lavoro che la gente all’antica non riesce proprio a capire. Quindi capisci anche tu che oltretutto ti stai rivolgendo alle persone sbagliate.

Se hai un problema ai reni non vai dall’elettrauto.

Se io ho un problema di soldi, non vado di certo a chiedere aiuto al tipo tutto vestito bene con una spilla addosso.

Capisci quello che voglio dire?

Fare network è una professione ed è doveroso farla nella maniera più corretta possibile. Non si può continuare a confermare un trend promosso da distributori scappati di casa.

Ora è giunto il momento di fare le cose in maniera seria.

Basta ai soliti metodi da strapazzo.Permettimi di fare una previsione:

Pensa solamente per un istante a come sarebbe la tua vita se avessi in mano un sistema di acquisizione contatti che lavora per te mentre tu fai i meeting e non appena torni a casa hai già una lista di persone pronte ad avere maggiori informazioni sul tuo network.

“Questo è chiaramente impossibile!”

Hai ragione, fino a quando poi una persona non ha dimostrato l’esatto contrario (cioè io).

E l’ho dimostrato con i fatti nella mia vecchia azienda e l’ho dimostrato nuovamente nel mese di Settembre entrando nella TOP 10 dei Recruiter Migliori per quel mese partendo da zero, senza spostare reti.

Ripeto, non sono l’ennesimo “fuffa guru” che trovi li fuori, quello che ho fatto e quello che faccio sono frutto di un Metodo che si chiama METODO ONET.



P.S. Lo scetticismo nell’animo Italiano la fa da padrona ma è anche vero che le più grandi sfide sono state compiute grazie ad enormi difficoltà. 

Tutto si è compiuto perché qualcuno ha messo in discussione tutto ciò che veniva insegnato. Tutto ciò che veniva considerata l’unica via. Se anche tu inizi ad avere dei dubbi a riguardo. Non permettere all’incertezza di portarti nella cattiva strada. In The Online Networker hai la via madre.